Riduci carattereAumenta carattereVersione graficaSolo testo
 
Video e avvisi

Sicurezza

Video e avvisi

Affittasi/Cercasi alloggio

Alloggi per studenti

Affittasi/Cercasi alloggio

Informazioni sui trasporti verso le sedi dell'Ateneo

Trasporti

Informazioni sui trasporti verso le sedi dell'Ateneo

Lavoro e stage per studenti e laureati

Placement

Lavoro e stage per studenti e laureati

Accesso al mondo del lavoro

Almalaurea

Accesso al mondo del lavoro

Struttura di Horizon 2020

Il nuovo Programma quadro per la ricerca e l’innovazione denominato Horizon 2020 è partito l’11 dicembre 2013 con il lancio dei primi bandi e sarà valido per il settennio 2014-2020 con un budget complessivo di 78,6 miliardi di euro, incluse le risorse destinate a Euratom.

Horizon 2020 indica un nuovo sistema integrato di fondi, finalizzato all’eliminazione della frammentazione attualmente presente nella programmazione della ricerca europea ed è articolato su tre pilastri fondamentali e cinque programmi trasversali:

 

 

Excellence Science Industrial Technologies Societal Challenges

 

European Institute of Innovation and Technologies (EIT)

 

Spreading Excellence and Widening Participation

 

Science with and for society

 

Joint Research Center (JRC)

 

Euratom

 

Eccellenza nel campo scientifico

Questa priorità ha lo scopo di rafforzare e aumentare l'eccellenza della UE in campo scientifico e di consolidare l’area di ricerca europea per rendere il sistema europeo di ricerca e innovazione maggiormente competitivo su scala globale. Sosterrà le idee migliori, svilupperà i talenti in Europa, darà ai ricercatori accesso ad infrastrutture di ricerca prioritarie e farà dell'Europa un luogo attraente per i migliori ricercatori del mondo.

Ciò consentirà di:

  • sostenere gli individui più talentuosi e creativi e le loro equipe nello svolgere ricerche di frontiera di altissima qualità, facendo leva sul successo del Consiglio Europeo della Ricerca (ERC)
  • finanziare la ricerca collaborativa per aprire nuovi promettenti campi di ricerca e di innovazione mediante il sostegno alle tecnologie emergenti e future (FET)
  • offrire ai ricercatori eccellenti opportunità di formazione e di carriera mediante le azioni Marie Skłodowska-Curie ("Azioni Marie Curie")
  • garantire che l'Europa disponga di infrastrutture di ricerca (comprese le infrastrutture elettroniche in rete) di livello mondiale accessibili a tutti i ricercatori in Europa e in altri paesi

 

Leadership industriale in un quadro di competitività

Questa priorità intende fare dell'Europa un luogo più attraente per investire nella ricerca e nell'innovazione (compresa l'innovazione ecologica), promuovendo attività strutturate dalle aziende. Porterà grandi investimenti in tecnologie industriali essenziali, incentiverà il potenziale di crescita delle aziende europee fornendo loro livelli adeguati di finanziamento e aiuterà le PMI innovative a trasformarsi in imprese leader a livello mondiale.

Ciò consentirà di:

  • consolidare la leadership nelle tecnologie abilitanti e industriali, fornendo un sostegno ad hoc alle TIC, alle nanotecnologie, ai materiali avanzati, alle biotecnologie, ai sistemi avanzati di fabbricazione e trattamento e alla ricerca spaziale, sostenendo altresì azioni trasversali per ottenere vantaggi accumulati dalla combinazione di diverse tecnologie abilitanti essenziali
  • facilitare l'accesso ai finanziamenti con capitale di rischio
  • fornire in tutta l'Unione un sostegno all'innovazione nelle PMI

 

Affrontare le sfide sociali

Questa priorità rispecchia le priorità strategiche della strategia Europa 2020 e affronta grandi preoccupazioni condivise dai cittadini europei e di altri paesi. La soluzione alle attuali sfide della società richiedono necessariamente un approccio multidisciplinare; per tale ragione verrà stimolato il dialogo fra tecnologie e discipline diverse comprese le scienze sociali e le discipline umanistiche, al fine di trovare, sperimentare, testare e diffondere nuove soluzioni. Verranno sostenute attività che spaziano dalla ricerca alla commercializzazione, incentrandosi su quelle connesse all'innovazione quali i progetti pilota, le dimostrazioni, i banchi di prova e il sostegno agli appalti pubblici e alla diffusione sul mercato delle soluzioni trovate. Si istituiranno collegamenti con le attività dei partenariati europei per l'innovazione (EIPs).

I finanziamenti si concentreranno sulle seguenti problematiche:

  • sanità, cambiamenti demografici e benessere
  • sicurezza alimentare, agricoltura sostenibile, ricerca marina e marittima e bioeconomia
  • energia da fonti sicure, pulita ed efficiente
  • trasporti intelligenti, ecologici e integrati
  • azione per il clima, efficienza sotto il profilo delle risorse e materie prime
  • società inclusive, innovative e sicure