Riduci carattereAumenta carattereVersione graficaSolo testo
 
Video e avvisi

Sicurezza

Video e avvisi

Affittasi/Cercasi alloggio

Alloggi per studenti

Affittasi/Cercasi alloggio

Informazioni sui trasporti verso le sedi dell'Ateneo

Trasporti

Informazioni sui trasporti verso le sedi dell'Ateneo

Lavoro e stage per studenti e laureati

Placement

Lavoro e stage per studenti e laureati

Accesso al mondo del lavoro

Almalaurea

Accesso al mondo del lavoro

Horizon 2020 e Quadro strategico per la ricerca in Italia – HIT2020

Se le criticità nel posizionamento del sistema europeo della ricerca e innovazione hanno portato l’EU alla definizione di Horizon 2020, in netta discontinuità con i Programmi quadro precedenti, l’Italia, dove le criticità sono ancora più accentuate, ha sperimentato per la prima volta l’adozione di un Quadro strategico di riferimento, coerente con quello europeo sia per durata che per impostazione. È stata avviata un’ampia consultazione pubblica con una larga partecipazione di pubblico e istituzioni che permetterà all’Italia di essere più presente e protagonista nel confronto sulle politiche comunitarie della ricerca e innovazione. Il nuovo strumento a disposizione dei ricercatori italiani si chiama Horizon 2020 Italia – HIT 2020, che, pur coerente con quello comunitario, presenta elementi di distinzione nella consapevolezza che ricerca knowledge driven e innovazione nei beni e servizi ai cittadini (technology driven) costituiscono un “continuum” per cui l’integrazione/interazione di discipline tecnologiche e discipline sociali e umane incrementa la qualità della ricerca e la sua competitività.

Pur potendo contare su un pool di ricercatori di elevata qualità e produttività, permangono ancora:

  • difficoltà di interazione tra enti pubblici di ricerca e sistema produttivo per trasformare i risultati della ricerca in innovazione di processi e prodotti
  • limitata capacità di comunicare la ricerca e i suoi risultati

 

In HIT 2020 l’esperienza positiva avuta con i bandi per Clusters Tecnologici e Smart Cities & Communities viene generalizzata e capitalizzata. Gli obiettivi principali sono quindi principalmente quattro (collegati tra di loro per produrre un effetto positivo a cascata):

  • favorire l'incontro tra la domanda di ricerca e innovazione espressa dai cittadini, con l'offerta da parte di università e imprese
  • mettere a punto un metodo di programmazione che possa incrementare l'efficacia e l'efficienza degli investimenti su ricerca e innovazione
  • aumentare l'attrattività del sistema per una maggiore mobilità dei ricercatori in entrata ed in uscita
  • intercettare quote crescenti di risorse europee

 

Testimonianza di una nuova visione strategica che ha come protagonista assoluta la ricerca, è la nascita del portale web del MIUR ResearchItaly – La ricerca italiana a portata di click.