Riduci carattereAumenta carattereVersione graficaSolo testo
 

    Educare alla decrescita. Discorrendo con Serge Latouche


    Educare alla decrescita. Discorrendo con Serge Latouche

    Il giorno 23 febbraio 2016 dalle ore 9.30, presso l’Aula magna del Dipartimento di Scienze umane dell’Università degli Studi dell’Aquila (viale Nizza 14), si svolgerà il convegno dal titolo Educare alla decrescita. Discorrendo con Serge Latouche che vedrà la prestigiosa presenza del Prof. Serge Latouche. Apriranno i lavori la prof.ssa Paola Inverardi, Rettrice dell’Università degli Studi dell’Aquila, il prof. Simone Gozzano, Direttore del Dipartimento di Scienze umane, Emanuela Di Giovambattista, Assessore alle Politiche sociali del Comune dell’Aquila e Elisabetta Leone, Assessore alla Cultura del Comune dell’Aquila.

    L’incontro sarà introdotto e coordinato dalla dott.ssa Silvia Nanni, docente di Pedagogia dell’inclusione e formazione degli adulti presso il Dipartimento di Scienze umane coadiuvata dal prof. Marco Antonio D’Arcangeli, professore di Pedagogia generale e Storia dell’educazione presso lo stesso Dipartimento. Tra i relatori, il prof. Massimo Fusillo, professore di Letterature comparate e Critica letteraria, Referente dell’Ateneo per le attività culturali, e il prof. Luigi Gaffuri, professore di Geografia, Referente dell’Ateneo per la cooperazione internazionale allo sviluppo.

    Il Convegno offre l’occasione per gli addetti ai lavori e la cittadinanza tutta, di confrontarsi direttamente con un intellettuale di fama mondiale sul macrotema della decrescita che la nostra condizione attuale, locale e globale, rende oltremodo urgente e necessario, consentendo di riflettere sulla possibilità di una visione alternativa, “divergente” da quella in cui viviamo.

     

    Serge Latouche (Vannes, 12 gennaio 1940), economista e filosofo francese, professore emerito di Scienze economiche all’Université d’Orsay di Parigi, è uno studioso di fama mondiale nell’ambito dell’antropologia economica e tra i principali animatori del movimento antiutilitarista nelle scienze sociali; specialista dei rapporti economici e culturali Nord-Sud e dell’epistemologia delle scienze sociali, è uno dei principali sostenitori della decrescita, arrivando a definirsi lui stesso “obiettore di crescita”.

    Egli, sostenendo che lo sviluppo scelto dall'Occidente, basato su un capitalismo e consumismo sfrenati, ha oramai esaurito tutte le sue possibilità, dilapidando in modo irreversibile risorse naturali non rinnovabili, auspica l'adozione di scelte mirate a costruire una società non ossessionata dal consumismo e libera dalle imposizioni della globalizzazione finanziaria priva di regole etiche. Senza immaginare una regressione o un impoverimento, Latouche descrive la possibilità concreta di una felicità sociale slegata dal possesso e dal consumismo dei beni materiali e misurata, invece, sul perseguimento del bene comune, sul rispetto della natura, sull'adozione di forme di convivenza ispirate alla ragionevolezza.

    Ecco spiegato perché Latouche afferma che scegliere l’alternativa decrescente può essere una possibilità di vita nuova e diversa.

    La decrescita è scelta di qualità, libertà e autonomia: l’uomo della società della decrescita torna a essere il padrone della propria vita: un'"utopia concreta" come ama da sempre definirla il prestigioso intellettuale.

    È autore di numerosissimi saggi tradotti in tutte le lingue del mondo e pubblicati da diverse case editrici, di cui molti in lingua italiana. Tra cui: L’occidentalizzazione del mondo (Bollati Boringhieri, 1992), Il pianeta dei naufraghi (Bollati Boringhieri, 1993), L’altra Africa. Tra dono e mercato (Bollati Boringhieri, 1997), Come sopravvivere allo sviluppo (Bollati Boringhieri, 2005), La scommessa della decrescita (Feltrinelli, 2007), Mondializzazione e decrescita. L’alternativa africana (Dedalo, 2009), Come si esce dalla società dei consumi. Corsi e percorsi della decrescita (Bollati Boringhieri, 2011), Il tempo della decrescita. Introduzione alla frugalità felice (Eleuthera, 2011), Per un'abbondanza frugale, malintesi e controversie sulla decrescita (Bollati Boringhieri, 2012), L’economia è una menzogna (Bollati Boringhieri, 2014).

     

    Scarica la locandina.


    (19.02.2016)