Riduci carattereAumenta carattereVersione graficaSolo testo
 

    In evidenza

    On line la nuova sezione nuova sezione del sito web Ateneo, relativa al Trasferimento tecnologico

    È on line la nuova sezione del sito web Ateneo, relativa al Trasferimento tecnologico, dove poter trovare in maniera chiara le notizie in evidenza, i servizi disponibili per imprese e ricercatori, numeri e informazioni utili da consultare.

    La ristrutturazione della sezione è stata curata dal personale del Progetto ProMiSE, dal personale del Settore trasferimento tecnologico e partecipazioni, sotto il coordinament del Prof. Luciano Fratocchi - Referente di Ateneo per il trasferimento tecnologico, promozione di attività di ricerca in conto terzi e creazione di imprese

     

    SiSaf Ltd, una società inglese che sviluppa terapie ad RNA per malattie genetiche scheletriche rare,
    ha annunciato di aver esercitato l’opzione per l’acquisizione di una licenza di un brevetto, sulla base
    di una collaborazione con l'Università degli Studi dell’Aquila.
    La licenza consente a SiSaf lo sviluppo di una nuova generazione di farmaci per curare malattie
    genetiche quali l’osteopetrosi autosomica dominante di tipo 2 (ADO2).
    SiSaf e l'Università degli Studi dell’Aquila hanno stipulato lo scorso anno l'accordo di
    collaborazione scientifica e di licenza. L'esercizio dell’opzione di licenza segue un'intensa ricerca
    collaborativa preclinica di 12 mesi

    L’Università degli Studi dell’Aquila in primo piano nella terapia genica per le malattie ossee rare

    SiSaf Ltd, una società inglese che sviluppa terapie ad RNA per malattie genetiche scheletriche rare, ha annunciato di aver esercitato l’opzione per l’acquisizione di una licenza di un brevetto, sottoscritta con l'Università degli Studi dell’Aquila. La licenza consente a SiSaf lo sviluppo di una nuova generazione di farmaci per curare malattie genetiche quali l’osteopetrosi autosomica dominante di tipo 2 (ADO2). SiSaf e l'Università degli Studi dell’Aquila hanno stipulato lo scorso anno l'accordo di collaborazione scientifica e di licenza. L'esercizio dell’opzione di licenza segue un'intensa ricerca collaborativa preclinica di 12 mesi

    Maggiori informazioni al seguente link